Lasciare famiglie e amici, conoscere coetanei di tanti paesi, affrontare situazioni difficili in una terra straniera, vivere esperienze indimenticabili. Tutto questo – ma non solo - è l'Erasmus, e tutto questo l'hanno vissuto, dal 1987, anno di nascita del programma, circa un milione e mezzo di studenti in tutta l'Unione Europea. Un progetto che all'inizio riguardava poche persone, ma che poi negli anni Novanta, e soprattutto dopo il boom del film "L'appartamento spagnolo", è diventato quasi un "must" tra gli studenti universitari più meritevoli.

In occasione delle prossime selezioni per la partecipazione al programma Erasmus+ 2016/17, il dipartimento dArTe organizza, per martedì 24 Maggio dalle ore 10.30 in poi, presso l'Aula A1 dell’ex facoltà di Architettura, l'Erasmus Day, evento che intende fornire agli studenti gli strumenti e l’incoraggiamento necessario – qualora ce ne fosse bisogno – per partecipare al progetto, e sarà caratterizzato dalla testimonianza dell’arch. Claudio Lucchesi, ex studente della Mediterranea, che ha sperimentato l’esperienza Erasmus.

Claudio Lucchesi può essere considerato un architetto siciliano globale. Dopo la laurea frequenta il corso alla prestigiosa AA di Londra con Jeff Kipnis e Bahram Shirdel. Socio fondatore a Londra di UFO-Urban Future Organization, vanta già un curriculum notevole: ha vinto numerosi concorsi internazionali ed esposto alla Triennale di Milano, alla Biennale di Architettura di Venezia, Pechino e Brasilia. UFO è stato selezionato da Zaha Hadid, nella pubblicazione 10x10_2 edita da Phaidon, come uno dei dieci giovani gruppi emergenti nel panorama internazionale.